martedì 25 aprile 2017

Giro100 2017 partenza da Alghero

21 tappe, 41 salite: il Giro 100 2017.







Tra gli sponsor il famoso marchio di orologi TAG Heuer che diventa cronometrista ufficiale del leggendario Giro d’Italia, che nel 2017 festeggia il suo centenario. Grazie a un accordo internazionale con RCS Media Group, il Giro d’Italia indosserà i colori di TAG Heuer, insieme ad altre rinomate corse tra cui la Strade Bianche, la Tirreno-Adriatico, la Milano-Sanremo, la Milano-Torino, la Gran Piemonte e il Giro di Lombardia.







Ad eccezione della 13^ frazione con arrivo a Tortona e delle due cronometro individuali (la prima, peraltro, niente affatto pianeggiante), non v’è giorno in cui la Corsa Rosa non proponga almeno un Gran Premio della Montagna.





Si comincia sin dalla giornata inaugurale con i 3 GPM da Alghero ad Olbia, ma bisogna attendere la quarta tappa, con l’approdo in Sicilia, per il primo arrivo in salita sull’Etna, già affrontato nel 2011 quando ad imporsi fu Alberto Contador. Il secondo arrivo in quota è previsto la nona giornata sull’Appennino abruzzese: sarà il Blockhaus il giudice in quest’occasione, 13 km con una pendenza media al 9% e punte al 14%.






La seconda settimana si presenta più equilibrata rispetto ad alcune passate edizioni. Ma non è da sottovalutare il passaggio sull’Appennino emiliano, proposto nella Firenze-Bagno di Romagna: quattro salite di seconda e terza categoria, con il Monte Fumaiolo nel finale a poco più di venti chilometri all’arrivo. Nel sabato che apre il secondo weekend, l’arrivo su una delle ascese legate al mito di Marco Pantani, il Santuario di Oropa,11 km con pendenze inizialmente dolci, ma che poi arrivano al 13%.







La terza settimana si apre con l’atteso tappone dolomitico: la Rovetta-Bormio propone il mitico Mortirolo scalato dal versante di Monno (12.6 km, unico precedente nel 1990); la Cima Coppi dei 22 km che conducono al Passo dello Stelvio e il Giogo di Santa Maria, che altro non è che lo stesso Stelvio scalato da un inedito versante di 13 km.







Il giorno seguente è la volta di tre vette storiche ovvero l’Aprica, il Passo del Tonale e Giovo, mentre il 17° giorno sono in programma ben cinque ascese: si parte con il celeberrimo Passo Pordoi e si chiude con Pontives. La terzultima giornata è la volta dell’arrivo sul prima categoria di Piancavallo (15 km). Si chiude con la Pordenone-Asiago e le scalate al lunghissimo Monte Grappa (24 km al 6%) e all’inedito Foza (14 km al 7%) che decideranno le sorti del Giro.

lunedì 24 aprile 2017

I "Baciamano" Sportivi firmati Circuiti

Il baciamano è un gioiello di origine orientale, composto da un semplice bracciale, che si dirama in una catenella che arriva fino all'altezza delle dita. Questo gioiello connota una certa eleganza in chi lo indossa, e dà uno slancio maggiore alle dita della mano.






Questo accessorio solitamente da un tocco fashion,ma grazie alla creativita' dell'orafo Gianfranco Quartaroli,da oggi il baciamano diventa un gioiello fashion e sportivo allo stesso tempo da indossare in qualsiasi occasione.
Una nuova versione del classico baciamano rivisto in chiave sportiva.







I "Baciamano" firmati Circuiti Gioielli sono dedicati a tutte le donne sportive amanti dello sport e del motorsport,l’ultima tendenza sugli accessori sportivi: un vero e proprio bracciale che va indossato intorno al palmo della mano oltre che al polso.







Ancora una volta Circuiti Gioielli,azienda leader della gioielleria sportiva, stupisce il mondo della gioielleria tradizionale inserendo questa grande idea innovativa nelle proprie collezioni.







Circuiti Gioielli anticipa i tempi e lancia la nuova moda tra gli accessori sportivi Made in Italy.







Formula 1,MotoGP,Tennis,Motocross,Pallavolo,Pallacanestro sono gli sport a cui si ispira la nuova collezione di gioielli "Baciamano".
L'Amore per lo Sport,lo Sport addosso firmato Circuiti.

Cairoli continue to close de gap in Holland

This weekend saw the sixth round of the 2017 MXGP World Championship being held on the infamous black sand at Valkenswaard, a place that has been dominated by Antonio Cairoli, who has won six Grand Prix here in the Netherlands.


The weekend began well with another fantastic win in qualifying, the second in the last two GP’s, and he seemed to be on target to win the eightieth Grand Prix of his career. Unfortunately, a difficult start in the first race affected the chances of the KTM Red Bull Factory Racing Team rider, who was forced into making a difficult comeback. Frustrated by a visibility problem the best that Cairoli could manage was ninth position.




In race two Tony gunned his KTM 450SX-F to the front, scoring a great hole-shot. Setting the pace from the beginning, Cairoli maintained his advantage over his opponents, posting the fastest lap and keeping the top spot right up to the chequered flag. Unfortunately the poor result of the first moto meant a spot on the podium was missed by just a single point! The gap between Tony and first position in the standings, however, has now shrunk to just fourteen points. The Sicilian champion will return to race in 15 days time on the Kegums track for the Latvian Grand Prix, the seventh MXGP 2017 event.




Antonio Cairoli: “It was a tougher weekend than expected but other than the first moto everything went in the right direction, with victory in the qualifying moto and a good feeling on the track. Unfortunately at the first start I made a small mistake out of the gate and I slid the bike a bit too much, losing traction. From there it was an uphill struggle and I had to push really hard to claw back over twenty positions. 



Everything was going well, until I got into ninth position, behind my team mate. Just as I was going to pass him, I got a huge face full of sand that got inside my goggles and consequently into my eyes. From that moment I lost most of my visibility and I had to settle for the ninth position…certainly not the one I was hoping for in this race.






Between the two motos I was very angry about what had happened and I was also worried because my right eye was giving me some issues, preventing me from seeing too well. Despite everything, however, I managed to start in front, which simplified my job, controlling my opponents until the finish line, even if I was not as fast as I could have been without the visibility problem. It's a shame that we missed the podium by just one point, but today we have gained precious points and we are getting closer to the red plate.”Race 1
1-G.Paulin 2-J.Van Horebeek 3-J.Herlings 4-E.Bobryshev 9-A.Cairoli

Race 2
1-A.Cairoli 2-G.Paulin 3-J.Herlings 4-T.Gajser 5-J.Van Horebeek

Grand Prix Overall
1-G.Paulin 47p. 2-J.Herlings 40p. 3-J.Van Horebeek 38p. 4-A.Cairoli 37p. 5-T.Gajser 33p.

MXGP World Championship Standings
1-T.Gajser 234p. 2-A.Cairoli 220p. 3-G.Paulin 192p. 4-J.Van Horebeek 182p. 5-E.Bobryshev 176p.

Next Grand Prix: Latvia
, Kegums, 07/05/2017

Tony Cairoli accorcia le distanze in Olanda

Il sesto round del Mondiale MXGP 2017 si è disputato questo fine settimana sulla sabbia nera della pista di Valkenswaard, da sempre terreno amico di Antonio Cairoli, che qui ha vinto in passato ben sei edizioni del Gran Premio in terra olandese. Il weekend, iniziato con la bella vittoria nella gara di qualifica, la seconda consecutiva, sembrava essere quello buono per agguantare l’ottantesima vittoria in carriera.



Purtroppo una partenza difficile ha condizionato la gara del pilota del KTM Red Bull Factory Racing Team, che si è visto costretto ad una difficile rimonta, vanificata da un problema di visibilità, che lo ha relegato in nona posizione. In gara due con la sua KTM 450SX-F Tony è scattato in testa, siglando un magnifico hole-shot e imponendo sin dalle prime battute il ritmo alla manche, controllando il vantaggio sugli avversari, siglando il giro veloce e mantenendo il primato fino alla bandiera a scacchi.

 






Purtroppo il risultato della prima frazione ha compromesso le possibilità di salire sul podio, sfuggito per un solo punto; il distacco dalla prima posizione in campionato scende però a quattordici lunghezze. Il campione siciliano tornerà in gara tra quindici giorni sulla pista di Kegums, per il Gran Premio della Lettonia, settimo appuntamento della MXGP 2017.




Antonio Cairoli: “E’ stato un weekend più difficile del previsto, a parte la prima manche infatti, tutto era andato per il verso giusto, con la vittoria in qualifica ed un buon feeling con la pista. Purtroppo al via di gara uno ho fatto un piccolo errore in uscita dal cancello ed ho intraversato un po’ la moto, perdendo trazione. Da lì è stata una manche tutta in salita ed ho dovuto spingere molto per rimontare velocemente da oltre la ventesima piazza.


Tutto stava andando per il meglio, fin quando sono arrivato alla nona posizione, dietro al mio compagno di squadra e proprio mentre stavo per passarlo, una grossa quantità di sabbia mi è arrivata in faccia, entrando nella maschera e di conseguenza negli occhi. Da quel momento ho perso buona parte della visibilità e mi sono dovuto accontentare della nona posizione, che non è certo quello a cui ambivo in questa gara. Tra le due manche ero molto arrabbiato per quello che era successo e anche preoccupato perché l’occhio destro mi dava problemi, impedendomi di vedere bene. Nonostante tutto sono comunque riuscito a partire davanti, cosa che ha semplificato il lavoro, riuscendo a controllare gli avversari fino al traguardo, nonostante non fossi velocissimo. Peccato per aver mancato il podio di un solo punto ma anche oggi abbiamo guadagnato punti preziosi e siamo sempre più vicini alla tabella rossa.”

Gara 1
1-G.Paulin 2-J.Van Horebeek 3-J.Herlings 4-E.Bobryshev 9-A.Cairoli

Gara 2
1-A.Cairoli 2-G.Paulin 3-J.Herling 4-T.Gajser 5-J.Van Horebeek

Classifica di Gran Premio
1-G.Paulin 47p. 2-J.Herlings 40p. 3-J.Van Horebeek 38p. 4-A.Cairoli 37p. 5-T.Gajser 33p.

Campionato
1-T.Gajser 234p. 2-A.Cairoli 220p. 3-G.Paulin 192p. 4-J.Van Horebeek 182p. 5-E.Bobryshev 176p.


Prossimo Gran Premio: Lettonia, Kegums 07/05/2017

domenica 23 aprile 2017

Motomemorial SicDay 2017

Simoncelli sempre nei nostri cuori: un Motomemorial SicDay 2017 da record
Invasione di motociclisti a Coriano in ricordo di Marco Simoncelli.
Il ricordo piu' vivo che mai.








Complice il meteo finora clemente, è andato in scena un motogiro da record che ha fatto 'scalo' a Tavullia, Gradara per poi approdare al Misano World Circuit.











Sulla pista dedicata al Sic, accolti dal managing director Andrea Albani, si è svolta la ormai classica parata con circa 5000 moto. Altre 800 almeno sono rimaste ad attendere I bikers al 'campo base in centro a Coriano per un totale di circa 5800 partecipanti: la presenza di Marco si avverte anche nei numeri.









C'è anche la Fondazione Simoncelli con Kate Fretti: prosegue la raccolta fondi per il centro diurno per disabili 'Santa Marta'. Un motoraduno da record, un altro capolavoro di Marco e dei suoi 58 boys.


Blancpain orologi e gioielli da corsa

Prosegue alla grande il calendario sportivo 2017 dell’Autodromo Nazionale Monza. Dopo le emozioni che hanno regalato Prototipi e Gran Turismo dell’European Le Mans Series e del World Endurance Championship, ecco giungere in terra brianzola, da oggi fino a domenica 23 aprile, il Campionato GT Blancpain organizzato dall’SRO Motorsport Group di Stephane Rattel.
La Blancpain facente parte della società di prodotti di lusso The Swatch Group, è la più antica marca di orologi esistente al mondo.







Nel caso di Blancpain l’accostamento di termini come tradizione e innovazione non costituisce un’antinomia: i due concetti sono al centro della filosofia della manifattura, che non conosce la catena di montaggio. Come già accadeva in passato, tutti i componenti del movimento sono rifiniti e decorati a mano nel rispetto della tradizione orologiera. Senza mai rinunciare alla sua storia, saldamente radicata nella Vallée de Joux, Blancpain propone una versione attuale dei design, delle complicazioni e dei metodi produttivi del secolo scorso,veri e propri gioielli del tempo.








A Monza si celebra, come è ormai tradizione, la prima gara Endurance della stagione, dopo il debutto della Sprint a Misano, in un campionato che prevede dieci appuntamenti equamente suddivisi fra breve e lunga durata (ultimo round a Barcellona nel week end a cavallo fra settembre e ottobre).






Oltre cinquanta saranno le rombanti GT3 delle principali case mondiali: Ferrari, Lamborghini, Bmw, McLaren, Audi, Nissan, Aston Martin, Porsche, Bentley e, ovviamente, Mercedes.







Proprio la casa di Stoccarda giunge a Monza con ben tredici vetture e forte del titolo assoluto 2016 e delle affermazioni della tappa Sprint di inizio aprile, quando, addirittura, nella Qualifying Race le AMG GT3 hanno occupato tutti i tre gradini del podio.







Saranno quindi a Monza le vetture da battere, a partire dalla numero 84 dei capoclassifica Franck Perera e Maxi Buhk (campione in carica). Altra Mercedes da seguire sarà la numero 86 condotta dall’altro titolato 2016, Dominik Baumann.







Molto attese sono anche le Bentley Continental, in particolare quella di Vincent Abril piazzatosi secondo a Misano.






Ovviamente il cuore dei tifosi a Monza seguirà con grande passione le performance delle numerose Ferrari (saranno dieci le 488 GT3) e Lamborghini (dieci le Huracan GT3) in pista.









Molte altre saranno le vetture da ammirare e da seguirne le prestazioni: Audi R8 LMS, Emil Frey Jaguar G3, Nissan Nismo GT3, BMW M6, McLaren 650 S (che l’anno scorso si impose a Monza in volata battendo in un entusiasmante e combattutissimo finale la Mercedes), Aston Martin V12 GT3, Porsche 991 GT3.








Particolarmente nutrita (composta da più di trenta piloti) è la pattuglia dei piloti italiani. Chiamato a confermare un buon inizio di stagione, pole position alla prima uscita, è il brianzolo Marco Mapelli con la sua Huracan. Menzioni speciali per Giancarlo Fisichella su Ferrari (ricordiamo i suoi oltre 200 gran premi di Formula 1 disputati, con 3 vittorie e 19 podi) e per Raffaele Marciello su Mercedes (Campione F3 europea nel 2013 e pilota GP2 per tre stagioni impreziosite dal terzo posto dell’anno scorso).








Il fine settimana inizierà per le vetture Blancpain nella giornata di venerdì con i Bronze Test (dalle 16.25 alle 17.25), per proseguire sabato con le Prove libere (dalle 10.45 alle 12.15) e la sessione di Prequalifica (dalle 16.05 alle 17.35). Domenica, infine, Qualifiche (dalle 9.50 alle 10.50) e la Gara, della durata di 180 minuti, con partenza alle 14.45.
In programma nel weekend vi sono anche le emozioni del Super Trofeo Lamborghini (due gare di 50 minuti, sabato con partenza alle 15.00 e domenica alle 11.20) e della Formula Renault 2.0 Eurocup (due gare di 25 minuti + 1 giro: il via sabato alle 14.00 e domenica alle 12.40).

sabato 22 aprile 2017

Sequestrati 30 kg. di gioielli Thailandesi importati illegalmente

Siamo alle solite,abbiamo gia' trattato questo argomento piu' volte nel nostro blog.








Questa volta a Roma e questa volta gioielli in argento venduti sottocosto,senza punzonatura obbligatoria per legge e importati illegalmente.
Avevano importato illegalmente dalla Thailandia bracciali, collane, oggetti preziosi, per rivenderli sottocosto. Il quartiere generale del business  di un gruppo di bengalesi era l'Esquilino. Un sistema che è stato smascherato dalla Polizia dopo un'indagine durata diversi mesi. L'hanno chiamata "Operazione Silver". Gli Agenti della Polizia di Stato della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma, diretta da Carlo Musti, hanno sequestrato in zona Esquilino, nel corso di controlli in collaborazione con personale ispettivo della Camera di Commercio e dell'Agenzia delle Dogane, 30 chili di oggetti preziosi e monili in argento importati illegalmente dalla Thailandia e venduti sottocosto.

Gioielli di provenienza tailandese


L'attività di indagine, durata diversi mesi, si è concentrata in particolare su esercizi commerciali gestiti da cittadini bengalesi. Dal controllo amministrativo di una di queste attività è emerso che i preziosi in argento, oltre ad essere venduti sotto costo, erano anche privi della punzonatura obbligatoria per legge ed importati illegalmente. Per non aver rispettato le prescrizioni dell'autorizzazione, nei confronti dell'esercente, oltre al sequestro della merce, verrà avviato un procedimento amministrativo per la sospensione della licenza preziosi.






Queste attivita' illegali vanno sempre a discapito di chi come noi punta esclusivamente sul Made in Italy seguendo tutte le normative europee vigenti.

lunedì 17 aprile 2017

Cairoli Epic in Trentino

There are certain victories that make history and will be remembered forever as some of the most amazing of all time. Tony Cairoli's seventy-ninth is sure to be one of them. A nearly perfect weekend began with a fantastic victory in Saturday's qualifying race.



The Red Bull KTM Factory Racing team rider managed to thrill the thousands of fans crowded in the shadow of the Dolomites as he put on an electrifying performance, riding with incredible emotion in front of his adoring home crowd. Grabbing the holeshot in Race 1 Cairoli had his work cut out as Gajser quickly put a pass on him on the first lap, with Tony almost immediately passing the Slovenian back as the two went tit for tat. With a slender lead Cairoli kept cool under pressure, managing to maintain his advantage for the entire race and collect the race win. In Race 2 Tony got out of the gate well before going down at the second corner, restarting twenty second, on a track that's well known for being difficult to pass on. This prompted an amazing comeback, which began the moment he hit the dirt! Pushing his KTM 450 SX-F to the absolute limit TC222 passed almost 20 riders as he closed up an almost 15 second gap between himself and the head of the race, clocking stratospheric lap times and showing an inexhaustible grit during his romp toward the front. With the public of Arco di Trento in raptures, Antonio Cairoli passed under the checkered flag in second position, winning for the third time in five editions the Grand Prix of Trentino and once again flying the Italian flag from the highest yardarm of the MXGP podium. In the standings the eight times World Champion sits in second, eighteen points from the lead. Next meeting with the MXGP is in seven days in Holland for the European Grand Prix.




Antonio Cairoli: “I feel great, my condition is very good and I felt really comfortable on the bike, despite the fact that this track doesn't have my favourite type of soil. The second moto today was pretty fun, I was second off the start but then crashed at the second corner and I was hit by loads of riders, I was pretty pissed off with myself because I did the mistake. After quickly remounting I told myself that I desperately needed a podium finish, so gritted my teeth and pinned it. I rode the best I have in a long time, making passes all the way from twentieth up to seventh. Once there I could see the group ahead and was pretty sure that I could close them down fairly quickly. I soon realised that I had a chance to pass Bobryshev for second and the overall, so I just put my head down and went for it! I’m happy because my physical condition was good from the first till the last lap and I was able to push all the way. I just kept pushing and pushing trying to make passes and it worked, I’m really happy! I had some sketchy moments but if you want to win you have to take some risks. It’s a very special race, one of my best GPs ever! I look forward for the next race in Valkenswaard, because the time to push has come and I’m more than ready to do it.







Race 1
1-A.Cairoli 2-A.Tonus 3-T.Gajser 4-G.Paulin 5-C.Desalle

Race 2
1-T.Gajser 2-A.Cairoli 3-E.Bobryshev 4-J.Herlings 5-C.Desalle

Grand Prix Overall
1-A.Cairoli 47p. 2-T.Gajser 45p. 3-A.Tonus 36p. 4-E.Bobryshev 34p. 5-G.Paulin 33p.

MXGP World Championship Standings
1-T.Gajser 201p. 2-A.Cairoli 183p. 3-C.Desalle 151p. 4-E.Bobryshev 145p. 5-G.Paulin 145p.

Next Grand Prix: Europe
, Valkenswaard, 23/04/2017

La piu' bella Pasqua di sempre é firmata Tony Cairoli

La gara di Antonio Cairoli di ieri ha un sapore particolare...bisognerebbe farla vedere nelle scuole...non è solo la vittoria di un campione,ma è anche un esempio di vita...Tony è caduto,ma è subito risalito in sella con la classe del campione,quella che serve per uscire dalle situazioni difficili...doveva recuperare...ma come fare? Allora ha cominciato ad utilizzare tutto quello che un essere umano ha nelle sue corde...cervello,forza,coraggio,grinta,esperienza e la cattiveria agonistica che serve quando bisogna fare dei recuperi impossibili...Tony ieri è stato un insegnamento...non bisogna MAI arrendersi e cercare sempre dentro di noi le energie per quelle che sono le imprese impossibili...certo poteva non farcela...non sempre riescono le imprese impossibili...però in quel caso avrebbe potuto dire "io ci ho provato fino alla fine" senza alcun rimpianto..






Ci sono vittorie che entrano di diritto nella storia e che saranno ricordate per sempre come alcune delle più belle di tutti i tempi; quella di oggi, la settantanovesima della sua carriera, è una di queste.








Con un fine settimana praticamente perfetto, iniziato con la splendida vittoria nella gara di qualifica del sabato, il pilota del Red Bull KTM Factory Racing team è riuscito a regalare alle migliaia di tifosi accorsi all’ombra delle Dolomiti per vederlo correre, un emozione incredibile, frutto di una prestazione esaltante. 







Partito in testa in gara uno, Cairoli ha battagliato con Gajser durante il primo giro, quando lo sloveno lo ha attaccato passandolo, rispondendo colpo su colpo e prendendo subito un piccolo margine di vantaggio, che è riuscito a conservare fino al traguardo. In gara due Tony esce bene dal cancello, curva secondo ma cade alla seconda curva, ripartendo ventiduesimo, su una pista ben nota per la difficoltà dei sorpassi. 












La rimonta furiosa, iniziata ancor prima della terza curva, spingendo la sua KTM 450 SX-F per ripartire in fretta, lo porta in trenta minuti e due giri a recuperare ben 20 posizioni e più di 15 secondi sulla testa della gara, facendo segnare tempi sul giro stratosferici e mettendo in mostra una grinta inesauribile, concretizzata in sorpassi fantastici ai danni degli avversari, passati uno dopo l’altro.









Con il pubblico di Arco di Trento in visibilio, Antonio Cairoli è passato sotto la bandiera a scacchi secondo, aggiudicandosi per la terza volta in cinque edizioni il Gran Premio del Trentino e portando ancora una volta il tricolore a sventolare dal pennone più alto del podio della MXGP. In classifica generale l’otto volte Campione del Mondo è sempre secondo, con un distacco ridotto a diciotto lunghezze dal primo. Prossimo appuntamento con la MXGP tra sette giorni in Olanda per il Gran Premio d’Europa.








Antonio Cairoli: “Sono molto felice, mi sento in gran forma e inizio a sentirmi a mio agio con la moto anche su piste come questa, con un fondo a me non molto congeniale. Gara due è stata molto divertente, sono partito secondo, ma alla seconda curva sono caduto, colpito da diversi piloti. Ero piuttosto arrabbiato con me stesso e mi sono detto che dovevo assolutamente almeno salire sul podio oggi, così ho fatto tutto il possibile per rimontare da oltre la ventesima posizione, trovando i posti dove passare. 








Poi, quando sono arrivato alla settima e ho visto il resto del gruppo, ho capito che avrei potuto riprendere Bobryshev che era secondo e provare a vincere la gara. Così ho continuato a spingere e spingere, provando a fare più sorpassi possibile ed ha funzionato; sono molto felice! Ci sono stati momenti al limite ma se vuoi vincere, devi anche prenderti dei rischi. E’ stata una gara davvero speciale, uno dei miei migliori GP di sempre! Ora non vedo l’ora che arrivi la prossima gara a Valkenswaard, perché è tempo di spingere e io sono pronto a farlo.

Gara 1
1-A.Cairoli 2-A.Tonus 3-T.Gajser 4-G.Paulin 5-C.Desalle

Gara 2
1-T.Gajser 2-A.Cairoli 3-E.Bobryshev 4-J.Herling 5-C.Desalle

Classifica di Gran Premio
2-T.Gajser 45p. 1-A.Cairoli 47p. 3-A.Tonus 36p. 4-E.Bobryshev 34p. 5-G.Paulin 33p.

Campionato
1-T.Gajser 201p. 2-A.Cairoli 183p. 3-C.Desalle 151p. 4-E.Bobryshev 145p. 5-G.Paulin 145p.

sabato 15 aprile 2017

La nuova tendenza Fashion-Racing firmata Circuiti

L’ultima tendenza sugli accessori racing si chiama “Baciamano“ ed è un'idea firmata Circuiti: un vero e proprio bracciale che va indossato intorno al palmo della mano oltre che al polso.






Il Baciamano è un accessorio ricco di charme e personalità che sorprende chi lo indossa: si tratta di un bracciale a catenella fine che si avvolge, oltre che al polso, anche alla base del dito medio, e può essere più o meno elaborato.







La particolarità di questo gioiello è la sua delicatezza ed estrema eleganza racing che sottolinea la finezza della mano, parte del corpo molto importante nella cultura orientale.







Un mix tra racing e fashion dedicato a tutte le donne sportive nato da un'idea dell'orafo e creativo Gianfranco Quartaroli.
Disponibile con tutti i circuiti di Formula 1 e MotoGP.








Il designer italiano riesce a sposare le forme dell’Oriente con il gusto del racing Made in Italy.







L’ultima prova sono i baciamano, anelli-bracciale di antica tradizione rivisti in chiave sportiva. Le catene legano le dita e si intrecciano sulla mano, fino ad avvolgere il polso.







Una nuova proposta per tutte le appassionate di motorsport per non passare inosservate ai bordi di tutti i circuiti.